Il Bangladesh adesso…

… ha calamitato l’attenzione mondiale. Il terrorismo sta colpendo ancora e non si riesce a vedere la fine di tutto quanto questo ammazzare gente e far esplodere bombe.
Con la strana sensazione che il terrorismo abbia perso il suo smalto e la gente sempre più se ne frega di un gruppetto di persone che fanno cose abominevoli in giro per il mondo, l’argomento di oggi non è il terrorismo.
Oggi molto più semplicemente si mette in circolo un consiglio: pensate.
Anche solo al libro che state leggendo o a quello che dovete fare, ma pensateci.
Datevi da fare con la vostra testa. E se fosse necessario assimilate più informazioni che potete.
Ma pensate.
E se ci riflettete – mi veniva da scrivere “pensate” ma ho deviato su un sinonimo – il pensiero non fa cadere dentro la spirale del terrore in cui si vorrebbe farci cascare.
Il pensiero volendo aiuta se stessi e gli altri più di quanto non ci si immagini.
Quindi provate a pensare.
Magari non subito, magari non finito di leggere questo. Ma pensate anche solo un pensiero.
Credo ne trarrete giovamento…

Forse in questo post a tutto non ho pensato…

Annunci

C’è chi dice che…

… i soldi vadano goduti. Che bisogna spenderli quando si può e in quello che si preferisce.
Niente di più giusto, visto che nella vita vige il libero arbitrio. E ciascuno quindi può fare quello che gli pare.
Solamente una cosa: la frase è a duplice senso.
Nel primo caso si tratta di una persona che spende e basta. Si può dire qualcuno che li guadagna e di conseguenza li mette in circolo.
Nel secondo caso vale il particolare del pezzo della frase “quando si può”. Cioè quando una azione di risparmio permette l’accumulo e di conseguenza si mettono in circolo come nel caso sopra.
In tutti e due i casi la messa in circolo è fondamentale. Solo che c’è chi si premunisce contro gli imprevisti e chi si sput**na in fretta e furia.

Ebbene si: c’è della partigianeria per chi li accumula. Anche se solo mollichina dopo mollichina…