E siamo arrivati alla fine…

… di questa stagione bloggereggia.
E’ stato un piacere stare con voi, tanto qui sopra quanto sui social che vedono rilanciato questo lavoro di blogger.
Da domani ritornerà la blogosfera invernale. Con il racconto mensile, il giornale e tutto il resto.

Forse qualche novità?
Forse. Non resta che aspettare e vedere domani.

Con tanti ringraziamenti per la vostra compagnia,

Un saluto alla prossima estate!

Mastroblogger

Annunci

La domanda è una sola:

: come mai Vittorio Sgarbi si è messo a fare di nuovo pubblicità?
La domanda è assai precisa: ancora una volta Vittorio Sgarbi, il più famoso critico d’arte italiano fa da testimonial ad un prodotto commerciale. Forse pochi si ricordano che lui fu ingaggiato da una compagnia di distribuzione di zucchero per avere la sua faccia e le sue intemperanze al servizio del marchio di zucchero.
Il dottor Sgarbi, beninteso, ha tutto il diritto di fare la pubblicità che preferisce. Ma ad avviso di chi scrive non mi metterei a giocare tanto con la sua materia di studio principale.
Per chi non avesse seguito, il riassunto è semplice: Sgarbi si è messo in viaggio, dopo averlo annunciato, per riportare la Monnalisa dal Louvre di Parigi in Italia. Ma come ben documenta il sito de “Il Post” di Luca Sofri si è trattato null’altro che di una pubblicità per una nota marca francese di automobili che ha messo in commercio una serie con il nome di riferimento “Monnalisa”.
Che si trattasse di una pubblicità non lo avevo assolutamente capito. Al massimo sarei arrivato a sentire l’odore dello scherzo cosi, per fare polemica o per produrre quella reazione che non è scandalo, ma smuove lo stesso le acque a fini culturali.
Mi dispiace molto per Sgarbi, perché non è qualcuno così a caccia di notorietà avendone già di suo una scorta ragguardevole. Ma stavolta non mi è piaciuto assolutamente quello che ha fatto. Ci sono molti altri modi di fare pubblicità, ma sfruttare una pecca della collezione artistica del nostro paese non era veramente da mettere in atto.

Di che marca era l’automobile pubblicizzata?

In Estate non vuoi…

… sentire parlare di politica, ma al massimo della promozione di una importante compagnia mobile di cellulari che offre ai suoi clienti una giornata di promozione.
Anche se Giannini di Ballarò non sembra essere riconfermato alla guida del programma, non si capisce come mai non alleggerisce il suo talk.
In fondo basterebbe invitare qualche politico di meno e qualche visagista in più…
I visagisti piacciono molto alle massaie, perché le aiutano nella scelta quotidiana del proprio look. E quindi una bella strizzata di occhio a quel pubblico aiuterebbe.
Ma in fondo Giannini si accontenta del suo zoccolo duro di affezionati. E sa perfettamente quello che fa in quanto giornalista di lungo corso.

Cosa mi metto mercoledì prossimo? E soprattutto: guardo Raitre o La7 martedì prossimo sera? Credo che dovrò guardare Raitre visto che Floris è in vacanza. Spero in Giannini…

Siccome la sbornia…

… elettorale sta finendo, forse si può provare a cambiare argomento.
Naturalmente senza evitare di dire che adesso viene il bello, perché la turbolenza nelle città dove ha vinto il M5S si inizia a far sentire.
Una domanda di partenza può essere la seguente: cosa succederà durante questa estate? La prima risposta è che la gente andrà in vacanza. Tanta o poca è variabile, perché alcune realtà non possono vivere senza turismo quanto altre realtà devono vivere con la gente per le strade e che consuma nei negozi. La cosa fondamentale è che la gente andrà in vacanza.
Da questo punto in poi bisogna prendere in considerazione che tipo di turismo la gente andrà ad affrontare, per il semplice fatto che ognuno ha una idea diversa di vacanza. Alcuni considerano l’andare in vacanza lo stare a casa magari con una pila di libri a far da compagnia. Altri non possono fare a meno del casino e della calca per le strade e nelle piazze. E per par condicio non si può non dimenticare la gente che non vuole passivamente vivere il tempo su una sedia sdraio dovunque egli si trova, ma vuole in una parola ‘fare’. Cosa è relativo: l’importante è non stare a casa propria con le mani in mano.
L’occasione per dire questo è la data odierna. Perché secondo il ciclo solare siamo entrati nei periodo dell’estate. In pieno.
Quindi non mi resta che augurare a tutti quanti una buona estate. E non solo per chi ozierà obbligatoriamente per essere un pilastrino della società lavoratrice durante l’inverno. Ai lavoratori dell’estate, a tutti coloro che fanno in modo di garantire servizi essenziali per la società va, oltre che il mio rispetto, tutto il mio ringraziamento per esserci, per far parte del sistema. E sono sicuro che anche per loro, magari non adesso, ci sarà meritato riposo.

Al mare o in montagna che sia, non c’è da dimenticare acqua da bere e creme solari. E un pensierino anche per tutti gli anziani che dovranno rifugiarsi dentro i supermercati o i negozi attrezzati con aria condizionata, visto che si prevedono temperature altissime nei picchi massimi…

P.S.: se cercate su internet una pensione per animali la si può trovare. E’ passato di moda abbandonare gli animali di casa in autostrada per andare in vacanza…