Archiviato il voto…

… e lasciando giustamente alla gente la capacità di capire chi dei candidati debba essere degno di diventare il sindaco del proprio comune o della propria città, si passa ad altro.
Nella piacevolezza dell’occuparsi di una pianta ecco che nasce il pensiero: la natura è davvero spettacolare.
Noi esseri umani, nel limite dei sensi che permettono un raggio d’azione parziale rispetto a tutto ciò che ci circonda, alle volte possiamo solo meravigliarci di quello che una pianta, e nel generale tutti gli esseri viventi, riescono a fare.
Ci sono casi in cui non serve intervento umano. In tutto il resto, basta poco. A volte pochissimo…
Se si buttasse una cartaccia in meno tra le piante o si inquinasse a livelli inferiori, la natura potrebbe rivelarsi per quello che non ci immaginiamo: una cosa straordinaria.

E soprattutto quando l’intervento umano riesce a fare della natura grandi cose, lì allora il sublime si manifesta nel suo massimo, nel suo più alto e più grande –scusate la ripetizione – manifestarsi.

E dopo questo è bene che beva un pochino di meno. Altrimenti straparlo…

Annunci

Si parte dalla domanda…

… di oggi. La domanda di oggi…
E poi non si può evitare di dire che essendoci il ballottaggio un candidato vince solo dopo che, passate le due settimane in cui ci si deve spremere per convincere tutto l’elettorato, si vince la seconda volta.
Non tutti possono accedere al ballottaggio, cioè solo i due con il più alto risultato di votazione.
E tutti gli altri? Sono quelli che possono dire, più o meno, che hanno raggiunto un risultato magari non nella totalità ma nel proprio piccolo. Per esempio Giorgia Meloni, supportata da Salvini, ha fatto un risultato davvero ragguardevole. Il tutto a dire tre considerazioni:

  1. la destra italiana ha perso la possibilità di essere nella capitale perché fin dall’inizio non ha saputo essere compatta e dare al proprio elettorato una direzione e un uomo, o una donna come in questo caso, da votare – anche se ha avuto successo a Milano ma si tratta della battaglia rispetto alla guerra;
  2. La sinistra non può dire di aver vinto, pur avendo dato ai ballottaggi i propri candidati, perché adesso deve fare la cosa più faticosa possibile: convincere chi ha votato altro rispetto a lei che lei è la migliore scelta – e questo è davvero un vero e proprio “lavoro”;
  3. Il Movimento 5 Stelle ha si la capitale, ma se si doveva trattare di una guerra contro la politica italiana la guerra è assolutamente persa visto che la primazia la si conta nello spicciolame dei piccoli comuni, e quindi non c’è stata capacità di convincere fino nel profondo la popolazione italiana (praticamente ci si è radunati tra i propri).

Si spera che non ci sia scontatezza nei ballottaggi. Cioè: largo al sensazionalismo!

Non è detto che…

… la precisione e l’ordine vadano di pari passo.
La precisione, a scanso di equivoci, è un concetto univoco, cioè non è possibile darne due interpretazioni. Di significati ce n’ha uno solo: capacità di coordinare i propri movimenti in base al tempo che scorre. E di conseguenza volendo anche in base allo spazio, visto che esiste una precisione adeguabile allo spazio. Pur trattandosi lo stesso di qualcosa di diverso dal tempo.
Alle volte spazio e tempo coincidono…
Mentre invece per l’ordine la cosa si complica. Perché l’ordine come, tante altre cose, pecca di essere relativo. Sono per la maggior parte le donne quelle ordinate – ma alle volte gli uomini superano di diverse lunghezze. Donna o uomo che sia, ognuno ha il suo concetto di ordine.

Sarebbe bello esistesse un termine di paragone per l’ordine, cioè una unità di misura. Ma sarebbe sotto contestazione, perché chissà come mai solo se stesso è capace di “mettere ordine alla propria vita”.
Quando ci provano gli altri succedono i casini… per non dire i problemi.

Le coppiette…

… le vedi per la strada che si tengono la mano e non puoi non pensare che la mano intrecciata a quella dell’altra tua metà è un privilegio.
Prima di tutto perché di certo non lo faresti con chiunque. E quindi c’è una esclusività.
Poi la parola privilegio implica una elevazione ad un rango differente per la propria considerazione. Di conseguenza si da una posizione personale particolareggiata alla persona che hai accanto.

Se non è un privilegio allora che cos’è?
Mi ripeto: non lo si fa con chiunque. O no?

Se lo si facesse con chiunque non ci sarebbe affetto. O sarebbe talmente momentaneo da considerarsi fuori di una concretezza effettiva.
Insomma: se lo fai devi voler bene. Davvero. Altrimenti perché lo si fa: solo per scena?