E siamo arrivati alla fine…

… di questa stagione bloggereggia.
E’ stato un piacere stare con voi, tanto qui sopra quanto sui social che vedono rilanciato questo lavoro di blogger.
Da domani ritornerà la blogosfera invernale. Con il racconto mensile, il giornale e tutto il resto.

Forse qualche novità?
Forse. Non resta che aspettare e vedere domani.

Con tanti ringraziamenti per la vostra compagnia,

Un saluto alla prossima estate!

Mastroblogger

Annunci

La domanda di oggi…

C’è ancora da preoccuparsi per le zone terremotate in Italia a fine agosto 2016?

Post it

Nuove scosse di terremoto nel centro Italia.
Meglio o non meglio prendere la scossa di corrente?

E dopo il disastro arriva…

… l’inchiesta. Perché adesso la cosa importante, come già sottolineato a chiare lettere su queste pagine, è trovare i responsabili di tutto il dramma del terremoto del 24 agosto.
Dalle prime notizie sembrerebbe che non siano stati fatti quelli che servivano, cioè degli adeguamenti sismici, ma solo delle migliorie, cioè una cosa di impatto minore e quindi in se e per se poco utile ad una corretta prevenzione.
Del terremoto in se non si può che imputare la responsabilità a Madre Natura. Per tutti gli altri danni qualcuno dovrà pur avere la colpa. Perché le case e tutti gli stabili crollati non sono spuntati dall’oggi al domani come i funghi nel prato umido. Sono stati progettati e costruiti dagli uomini. E gli uomini dovevano sapere come trasformare una casa a rischio in una casa sicura.


Meglio costituirsi, date retta…

Non vorrei scrivere…

… il suo nome direttamente nel titolo di questo post, per rispetto e stima. E quindi annacquo la scrittura e lo metto un pochino più in basso…
C’è una star di quelle a 360°, tanto televisivamente quanto mediaticamente quanto internettianamente, che si è messa a dare la sua versione dei fatti. In un certo senso remando contro quello che è il suo ambiente di riferimento, cioè il mondo dello spettacolo. E ha detto semplicemente una parola, per riassumere al massimo: attenzione.
Lui, perché si tratta di un uomo, dice di aver ricevuto diversi inviti a manifestazioni per beneficenza pro terremotati del centro Italia. Ma sapendo più o meno come funzionano certe macchine dello spettacolo non se l’è sentita di avallare la cosa e farsi trasportare. E ha preferito dire chiaramente che piuttosto di mettersi di fronte ad un palco e dire di donare a terze persone indirette, meglio donare con il numero unico che sta girando per tutte le televisioni e le radio e i siti internet: 45500.
Oppure fare beneficenza privatamente, come meglio è nelle singole possibilità.
Di chi sto parlando? Del grande Fiorello. Che in un video sul sito di Repubblica e di tanti altri giornali online ha detto tutta la sua. Ascoltatelo anche voi…

IL VIDEO

Post it

Mucche da salvare in terra di Amatrice.
Latte condensato in arrivo?

L’affermazione di oggi

Un ciao affettuoso a Gene Wilder, il più memorabile dei Willy Wonka del cinema.