Ho già detto che l’Isis…

… è benvenuto se vuole dimostrare di essere un sistema di governo, e sottolineo di governo, migliore di tanti altri. Ma forse c’è stato un fraintendimento, vedendo tutti gli attentati che stanno capitando – e che si spera finiscano il prima possibile: fare dei morti e dei feriti non è prova di essere un buon governante. Ma solo uno dei tanti che non sa fare altro che ammazzare della gente per mano di soggetti a cui molto probabilmente, agevolati da favorevoli condizioni mentali, è stato fatto un completo lavaggio del cervello.
In questo momento dovrei sentire il coro, e seguirlo bene inteso, di tutti quelli che vogliono solo tonnellate e tonnellate di bombe sullo Stato islamico, a casa loro. Però chissà come mai c’è la fiducia di trovare delle orecchie aperte che capiscano di doverla smettere con attentati e quant’altro.
Solo qualcuno che non ha fatto i suoi debiti conti può sperare di combattere una guerra aspettando che l’Europa o l’America o qualsivoglia paese “inizino le danze”. Solamente un comandante con molti soldati al suo seguito sparsi per tutti i continenti, incapace di fare una guerra sui fatti e non sul sangue a volte totalmente innocente, può mettere in atto quello che sta dimostrando.

Sempre più ci si avvicina ad un punto di non ritorno. E sempre più si potrebbe dimostrare del sale in zucca e piantarla con degli attentati capaci solamente di rinsaldare le fila della gente innocente a cui capitano.
A fare quello che stanno facendo, gli jihadisti non fanno il loro vantaggio, ma solamente la firma per una condanna a morte. Le potenze democratiche non giocheranno in difesa in eterno. Prima o poi tutti, compreso chi vi sta scrivendo, saranno favorevoli, chi più chi meno e loro malgrado, a radere al suolo tutto quanto. A fare piazza pulita dell’Isis e di tutto quello che esso ha creato. E magari non sarebbe necessario, se gli jihadisti dimostrassero quello che dovrebbero nel più benefico e fruttifero senso della questione.
Se l’Isis vuole sopravvivere – e può farlo visto che ad un paese che non rompe le scatole a nessuno dello spazio glielo si può dare – la deve finire di fare quello che sta facendo. Deve iniziare a dare prova di essere non un sanguinario tagliagole di innocenti, ma un governante come tutti gli altri, capace di sedersi ad un tavolo e a discutere i problemi propri e altrui.
A fare l’assassino sono bravi tutti: basta un’arma ed una vittima. A fare il governante servono tante qualità, che potrebbero essere apprezzate e valorizzate da tutto il mondo: basta solo metterle in atto…

Molto probabilmente…

… questo Europeo di calcio spiritosamente verrà ricordato per la macchietta di Cristiano Ronaldo, il famoso CR7, sulla sua divisa simile a quella delle hostess Alitalia e sull’episodio del capitano dell’Islanda che lo rincorre per avere la maglia di ricordo.
Invece non spiritosamente ma molto seriamente e assai tristemente verrà segnato nei libri di storia per i morti e i numerosissimi feriti che la polizia in Francia ha dovuto gestire per mantenere l’ordine.
A memoria di chi vi sta scrivendo, non si ricorda una situazione di torneo calcistico dove la violenza nelle strade fuori dagli stadi ha imperversato tanto violentemente, mi si scusi il gioco di parole.
La domanda di ieri rimarca molto quello che sto per dirvi. Perché chiunque sia il vincitore, e di correlato non si può che diffondere un “Che vinca il migliore!”, dovrà portare il peso di aver sbaragliato gli avversari europei sopra uno strato di tifosi violenti e di attentatori, con la speranza che questi ultimi non si attivino assolutamente, che imperversano in tutta la Francia.
Naturalmente non si può fare di tutta l’erba un fascio. Perché sicuramente esistono tifosi che fanno solo il tifo e non hanno nessuna intenzione violenta. Solo che come tutte le volte si paga per il discolo del gruppo tutti quanti.
E’ brutto, ma è cosi.

A parte tutto l’Italia, nelle sapienti mani dello stregone Antonio Conte, continua a far sognare e sperare nella vittoria. E questo è davvero bello. Perché tutto un paese vive l’emozione di una scalata verso le vette della vittoria, assolutamente non scontata e tutta da faticare, grazie ad un uomo che ha dovuto raccattare, è proprio il caso di dirlo, un gruppo completamente disorganizzato e ridargli tono e nervo.
Credo di poter affermare, a nome di molti italiani, che si può ringraziare Antonio Conte di starci facendo sognare. Di averci ridato una squadra italiana degna di essere guardata, di essere tifata. In una parola: di essere amata.
Grazie Antonio…