Anche se sotto un certo aspetto…

…i media devono avere dei click, e io sono stato uno di quelli che ha cliccato per vedere un video, la capitale italiana ha tra le sue “medaglie” quella di essere diventato un bordello a cielo aperto. Già altre volte si sono ventilate voci di sesso a cielo aperto, in alcuni casi con foto documentarie di organismi e associazioni che cercano di denunciare il marcio della capitale. Ma stavolta la cosa è grossa, perché Corriere.it, il sito del quotidiano milanese Corriere della Sera, ha messo in prima pagina un video naturalmente precettato dove un uomo e una donna, in un anfratto dei Fori Imperiali in pieno giorno, stavano copulando allegramente e focosamente. La lettera è rivolta a loro, ma soprattutto a chi gli ha causato quella situazione, cioè Eros, il dio dell’amore.

Cari signori e Eros,
molto probabilmente voi vi volete bene. Ed è una cosa bellissima. Tra le più belle che possano esistere, altrimenti in quella situazionaccia non vi ci sareste messi. Ma vi devo chiedere una cosa: tutto bene in famiglia e con il portafogli? Sinceramente non mi spiego una cosa: perché vi siete messi a fare quello che stavate facendo proprio in quel momento e in quel posto. Forse non siete in grado di pagarvi una camera d’albergo dove poter dare sfogo a tutta la forza che Eros vi ha messo in corpo. Quello stesso Eros che dovrebbe darsi una calmata nell’area di Roma, senza nulla togliere ai vigili urbani e alle altre forze dell’ordine che dovrebbero avere più cura di fare il loro lavoro. Il sesso e la forza erotica tra le persone è la cosa più inviolabile che possa esserci nella vita umana, ma per favore datti una calmata. Estate e tutto.
Sinceramente fa schifo quello che hanno fatto quelle due persone in pieno giorno. E se avalli la cosa fai schifo pure tu che fai fare quelle cose alle persone nella mia capitale.
Ma con tutte le spiagge nudiste che esistono non ci puoi far sfogare le persone? Non esistono dei bordelli anche non autorizzati in cui dare libertà di movimento a quelle coppie, senza nascondersi dietro ad un dito dell’esistenza di luoghi d’incontro?
Chiariamoci: non voglio intralciare il tuo lavoro e nemmeno a voi due che fisiologicamente volete vivere la vostra vita sessuale. Ma per favore limitatevi. Tutto li. E limitati anche tu Eros.
Un saluto a voi e buon lavoro a te Eros per questa estate,
Matteo

Annunci

Alla fine dei conti…

… il Mein Kampf di Adolf Hitler è un libro.
Forse si fa passare questo particolare sotto traccia.
E come tutti i libri, tranne qualche parte di lettori che ne possono essere ipnotizzati dalle parole e dai concetti, un buon lettore sa, forse è meglio dire un buon intellettuale, che bisogna trattarlo nei dovuti modi.
Ma non evitando di sgualcire le pagine o la copertina. Si tratta dell’essere una fonte di informazioni.
E’ come dire che siccome sui giornali escono le notizie dei femminicidi allora dopo averli letti si può provare l’ebrezza di ammazzare la propria moglie o la propria compagna, facendo anche piazza pulita della figliolanza per finire sicuramente in cronaca su giornali e tg.
Quindi se si vuole fare un buon servizio alla cultura italiana, come è stato certamente l’intento di Sallusti con questo progetto editoriale, si faccia sapere da fonti autorevoli nei desertici talk show italiani delle reti maggiori come trattare quel libro, piuttosto che farne una pietra di scandalo più di quanto possa essere.
Beneinteso: una pietra di scandalo lo è, vista la reputazione dell’autore.
Ma per sapere se l’alcool fa male al proprio organismo, mi si scusi il paragone, i modi sono due: o te lo dice un medico prima se puoi bere o meno, in questo caso spiegare il libro per quelli che vogliono leggerlo, oppure bevi a rischio della tua salute mettendo in conto di poterti sentire male, forse morire.

Credo sinceramente saranno in pochi a voler rischiare la propria tranquillità mentale per un libro “pericoloso”. Quindi nell’aria c’è certamente fame di analisi e commento su questo oggetto di scandalo, che è il libro di Hitler.
La curiosità sarà vedere se l’appello al mondo della conoscenza verrà ascoltato. E se non ci si continuerà a rinchiudere nelle segrete stanze degli atenei.

Magari anche dicendo un no motivato ad un eventuale acquisto in libreria dopo l’edizione de “Il Giornale”…