Si avvicina per chi vi scrive…

…il momento delle ferie. Naturalmente lavorate.
Cioè: il blog e la blogosphera vanno per una decina di giorni in vacanza. Ma non ci sarà riposo, perché come tutti i blogger che hanno indirizzo web privato a pagamento sanno ci vogliono un poco di soldi per far “girare la macchina”.
Lo so cosa state dicendo: potremmo pagare noi. Ma non voglio…
Credo di essere una persona abbastanza capace di guadagnarsi quei pochi soldi di sito internet. Se non guadagnare altro…
Ma per il momento è così: le pubblicazioni a singhiozzo sono dovute a impegni lavorativi che mi portano ad essere lontano dalla tastiera.
Per riassumere: il blog dell’estate si ferma con tutta la blogosphera. L’unica cosa che sarà garantita sarà la puntata del racconto dell’estate che andrà regolarmente in pubblicazione domenica 14.
Durante le ferie, beninteso, si cercherà di riflettere su come riorganizzare la blogosphera per alcuni impegni autunnali e invernali che mi porteranno ad essere altrove con la concentrazione, pur essendo davanti al computer o a casa.

Buone ferie a tutti voi miei carissimi lettori, che siete ancora su queste pagine.
Matteo

Annunci

Sarebbe bello parlare…

… del fatto che le donne sempre più vengono ammazzate dai propri compagni o mariti. Ma il discorso sarebbe lungo e chi vi scrive non è una donna. Quindi sforzandosi di capire e comprendere non potrà mai fare un buon servizio alla causa tanto da non-donna quanto da non-genitore di donna.
C’è una cosa che oggi colpisce girovagando sui siti di informazione. Si tratta di un libro che a occhio e croce puzza di consiglio letterario sotto l’ombrellone.
Il quotidiano “Il Giornale” diretto da Alessandro Sallusti ha deciso di pubblicare una collezione di libri in abbinato al quotidiano. Fino a qui c’è qualcosa di strano? Qualcosa di indecente? Si può dire di no…
Quello che non si può dire è il tipo di testi che saranno pubblicati, senza aggiungere che si tratta di letteratura marcatamente di destra.
Se vi dico il primo libro in pubblicazione in omaggio con il giornale cartaceo ci credete? Il “Mein Kampf” di Adolf Hitler.
Lasciando i giudizi alla parte politica di cui si è parte, la prima cosa che mi è venuta in mente, oltre a correre a prenotarne una copia dal mio edicolante di fiducia per poter leggere di persona questo libro per molti maledetto per altri la Bibbia, è un pezzo di un film di una decina di anni fa, che è sempre un piacere rivedere per lo spasso e la dissacrazione di cui è padrone.
Godetevelo tutto…