La domanda è una sola:

: come mai Vittorio Sgarbi si è messo a fare di nuovo pubblicità?
La domanda è assai precisa: ancora una volta Vittorio Sgarbi, il più famoso critico d’arte italiano fa da testimonial ad un prodotto commerciale. Forse pochi si ricordano che lui fu ingaggiato da una compagnia di distribuzione di zucchero per avere la sua faccia e le sue intemperanze al servizio del marchio di zucchero.
Il dottor Sgarbi, beninteso, ha tutto il diritto di fare la pubblicità che preferisce. Ma ad avviso di chi scrive non mi metterei a giocare tanto con la sua materia di studio principale.
Per chi non avesse seguito, il riassunto è semplice: Sgarbi si è messo in viaggio, dopo averlo annunciato, per riportare la Monnalisa dal Louvre di Parigi in Italia. Ma come ben documenta il sito de “Il Post” di Luca Sofri si è trattato null’altro che di una pubblicità per una nota marca francese di automobili che ha messo in commercio una serie con il nome di riferimento “Monnalisa”.
Che si trattasse di una pubblicità non lo avevo assolutamente capito. Al massimo sarei arrivato a sentire l’odore dello scherzo cosi, per fare polemica o per produrre quella reazione che non è scandalo, ma smuove lo stesso le acque a fini culturali.
Mi dispiace molto per Sgarbi, perché non è qualcuno così a caccia di notorietà avendone già di suo una scorta ragguardevole. Ma stavolta non mi è piaciuto assolutamente quello che ha fatto. Ci sono molti altri modi di fare pubblicità, ma sfruttare una pecca della collezione artistica del nostro paese non era veramente da mettere in atto.

Di che marca era l’automobile pubblicizzata?

Semplicemente una cosa…

… sulla questione della rivolta cinese: sono i lavoratori più odiati dalla popolazione italiana in special modo da quella pratese che si è vista togliere tutto il proprio comparto industriale. Ma la domanda che sorge è una sola: la colpa della loro prosperità è tutta cinese o è anche italiana che non ha saputo attrezzarsi di fronte alla capacità di lavorare di questo popolo?
Detto diversamente per non attirare antipatie che non voglio: come di solito si dice c’è posto per tutti. Ma quel posto nel mondo della produttività ha un costo. E quella spesa non è solo colpa dello Stato con le sue tasse, oltre che con i costi del lavoro dipendente, ma anche di quel gruppo di persone che si possono riassumere sotto il nome di Confindustria. Che non ha saputo attrezzarsi in concerto con il mondo del lavoro al di la del mare e delle Alpi. Della serie: per far costare di meno il prezzo del lavoro si possono fare delle convenzioni con il privato esistente, tra cui da sottolineare per importanza un sistema pensionistico privato per le aziende. E con quello dare delle certezze che altrimenti gravano su di noi tutti paese Italia con il comparto pubblico.
E noi italiani non possiamo accollarci tutto quanto…

Una soluzione si trova sempre. Basta fare quella cosa che tutti nella vita ti dicono di non fare ma che invece è molto utile, sempre se indirizzata al bene: pensare.