Sarà il momento per…

… le donne diacono?
Da una parte si, dall’altra ovviamente no.
Per la parte positiva ci sarebbe un doveroso svecchiamento e de-maschilimento, mi si passi il termine, della Chiesa tutta. Soprattutto per il fatto che in altre chiese e in altre religioni le donne non hanno solo una parte, se cosi si può dire, accessoria. La donna ha una testa come un uomo. E certe volte ha più comprensione di un uomo. Quindi perché no alle donne nelle gerarchie della Chiesa Cattolica?
Per il resto, serve ancora da parte del mondo una comprensione più aperta. E non sto parlando del maschilismo imperante, ma del fatto che la donna ancora oggi viene considerata un oggetto come tanti altri soprammobili della casa in cui si abita. Prima di far diventare diacono una donna, ci vorrebbe che alcuni uomini diventassero civili. E che non vedessero nelle donne un possibile possesso personale per scopi sessuali o nervosi.
Per il resto, se conta qualcosa la mia opinione, non c’è nulla di sbagliato in una donna diacono. A patto che i seminari di formazione religiosa facciano una dovuta riforma del loro modo di insegnare, non solo aperto alle donne, ma a tutti i cambiamenti che la società ha adottato e che per un religioso topo di biblioteca sono totalmente estranei.
In una parola: vogliamo parlare delle religiose e di alcuni religiosi che fanno la loro opera di assistenza spirituale tramite i social su internet?

Sinceramente non so…

… cosa scrivere.
L’Europeo è talmente capillare che si dovrebbe parlare di quello. Ma non credo sia la cosa migliore. C’è già una abbondante produzione giornalistica.
Si potrebbe parlare della Brexit, o di un’altra votazione in corso in Italia, le comunali. Ma forse in questo momento si darebbe troppa influenza. E soprattutto, se non mi sbaglio, siamo per lo meno per le comunali in Par Condicio. Per la Brexit dubito possano sentirmi fino nel Regno Unito.
Magari si può sguazzare nella cronaca giudiziaria. Ma è un poco come mettersi contro un gigante, o i giganti, visto che esiste una fiorente – buon per loro – produzione televisiva e giornalistica a riguardo.
L’unica cosa è parlare del tempo, visto che è l’argomento prediletto da quelli che non hanno nulla da dire…

Domani è un altro giorno, come diceva Rossella O’Hara in “Via col vento”.
Oggi non si può far diverso: qualcosa di cui parlare ci sarà.

La morte non è…

… una bella cosa.
Anche se si tratta di morte naturale.
E’ pur sempre una perdita di qualcuno nel mondo.
Come la perdita è stata della deputata assassinata. Con cui di collegato le mie personali condoglianze a tutte le parti interessate dalla sua scomparsa.

A questo punto non si sa quale sarà l’esito del referendum nel Regno Unito. Pur essendo forte la potenza del si alla Brexit.
Un appello agli inglesi: pensateci bene.
Voi siete molto forti. Ma la vostra forza, da qualche tempo a questa parte, è anche grazie alla vicinanza dell’Europa. Magari solo per pochissimo. Ma questo poco può avere una importanza per tutti e due.
Insieme possiamo fare grandi cose. Cose che tutto il mondo ci invidierebbe. Se solo vorrete restare con noi.
Il grazie per tutto quello che avete fatto insieme a noi è ultrascontato. Come credo il grazie vostro per noi per aver avuto uno sbocco nel continente.
In fondo la vostra autonomia l’avete sempre avuta.
La domanda è: è cosi essenziale togliersi dall’Europa?

Non credo che a Strasburgo e a Bruxelles non possano rinegoziare accordi che possono essere troppo capestri aggiornati ad oggi.
Detto più semplicemente: si può parlare come fanno tutti i governanti. E si può trovare un modo di convivere vantaggioso per tutti.

Restate con noi. Non ve ne pentirete…