C’è paura nell’aria. E poi…

… non si capisce se gli attentati che capitano nel mondo sono opera dell’Isis oppure vengono rivendicati tali ma l’Isis autentico non ci ha messo mano assolutamente. Se ci fosse un metro di riconoscimento sarebbe bello: basta misurare e tutto è sotto controllo. Ma purtroppo o per fortuna ogni singolo paese è in mano alla propria intelligence.

C’è chi dice – e sto parlando di Beppe Severgnini su Corriere.it – che alle vacanze non bisogna rinunciare. Doppiamente mi unisco a lui: da una parte per fare in modo che il singolo possa avere il suo meritato riposo – al mare o altrove poco cambia, visto che la cosa importante è ricaricare le batterie, dall’altra perché il mondo non si può fermare, cioè ci si deve in modo assoluto dimenticare, per la maggiore, che l’Isis può colpire. Se ci si mettesse a fare troppi distinguo ci si sentirebbe in trappola perfino a casa propria. E questa non può essere una cosa che porta ad una vita “normale” tale da far capire all’Isis che non fa paura alla gente del mondo.
Uno ci pensa poco, ma il terrorismo è tale perché instilla terrore alla gente. Quindi se la gente non ha terrore del terrorismo, questo perde la sua funzione primaria, cioè togliere sicurezza.

Annunci

La morte non è…

… una bella cosa.
Anche se si tratta di morte naturale.
E’ pur sempre una perdita di qualcuno nel mondo.
Come la perdita è stata della deputata assassinata. Con cui di collegato le mie personali condoglianze a tutte le parti interessate dalla sua scomparsa.

A questo punto non si sa quale sarà l’esito del referendum nel Regno Unito. Pur essendo forte la potenza del si alla Brexit.
Un appello agli inglesi: pensateci bene.
Voi siete molto forti. Ma la vostra forza, da qualche tempo a questa parte, è anche grazie alla vicinanza dell’Europa. Magari solo per pochissimo. Ma questo poco può avere una importanza per tutti e due.
Insieme possiamo fare grandi cose. Cose che tutto il mondo ci invidierebbe. Se solo vorrete restare con noi.
Il grazie per tutto quello che avete fatto insieme a noi è ultrascontato. Come credo il grazie vostro per noi per aver avuto uno sbocco nel continente.
In fondo la vostra autonomia l’avete sempre avuta.
La domanda è: è cosi essenziale togliersi dall’Europa?

Non credo che a Strasburgo e a Bruxelles non possano rinegoziare accordi che possono essere troppo capestri aggiornati ad oggi.
Detto più semplicemente: si può parlare come fanno tutti i governanti. E si può trovare un modo di convivere vantaggioso per tutti.

Restate con noi. Non ve ne pentirete…